Archive for A tutto gas

“Passion that drives continuos improvement innovation. Mazzanti: super cars are made the concrete way: inside-out. Here it comes the Evantra.”

We are expanding the international edition of our book that will be published in early 2015 and one of the new sections will feature the supercar Mazzanti’s Evantra, here featured in a photo shoot in Montecarlo.

the EVANTRA in Montecarlo

the EVANTRA in Montecarlo

The section will point out the entrepreneurial process that has brought to live this super car featuring a unique mix of  “luxury, exclusivity and extreme performance”; the kind of mix that has been noticed by international media, international movies productions and global licensing projects alike.

The title of the section will be:
“Passion that drives continuos improvement innovation. Mazzanti: super cars are made the concrete way: inside-out. Here it comes the Evantra”.

Posted in: A tutto gas

Leave a Comment (0) →

In presa diretta da Daytona!

(pubbicato da ReportMotori.it)

Da sempre Daytona è nell’immaginario collettivo di noi appassionati di Motorsport.

Riccardo alla guida approccia una delle paraboliche di Daytona...

Riccardo alla guida approccia una delle paraboliche di Daytona…

La 500 miglia e la 24 ore di Daytona, rappresentano appuntamenti immancabili e riferimenti storici sportivi indiscussi.

Tutto è cominciato più di sessanta anni fa dalla spiaggia in sabbia naturalmente battuta di Daytona Beach con le scorribande delle tipiche‘muscle cars’ americane, ‘auto muscolose’ con i poderosi V8 truccati che davano il senso della velocità nei lunghissimi dritti e poi lasciano a desiderare nelle curve, ma questo non importava. Le curve iniziarono a divenire più importanti quando fu costruita (su un terreno altrettanto piatto e sabbioso) la pista che da tempo ha varie configurazioni: dal triovale di 4km con curve paraboliche (fino a 31 gradi di inclinazione!) utilizzato per la 500 miglia o altre configurazioni di percorsi misti come quello che viene usato per la 24 ore di Daytona.

23 Agosto 2014. Sono a Daytona all’International Speedway che dapprima volevo semplicemente visitare, trovandomi per ragioni lavorative in Florida, poi mi sono reso conto che potevo pure girare in pista con unaNASCAR!

Tutto grazie ad un programma che l’organizzazione Richard Petty Driving Experience ha iniziato a sviluppare dal alcuni anni fa su varie piste negliUSA. Petty si è ritirato da molti anni dalle competizioni ma continua ad essere una leggenda negli States per i numerosi titoli vinti in NASCAR e soprattutto per il modo deciso con cui lo ha fatto. Nel creare il programma ha utilizzato al meglio la sua immagine, il suo ‘brand’, per dare a tutti gli appassionati l’opportunità di vivere sulla propria pelle emozioni racing veramente uniche ‘Authentic Nascar Entertainment‘ e’ lo slogan chiave del programma.

Mi iscrivo al programma sul loro sito, tutto ottimamente organizzato e molto chiaro: cosa comprende, cosa non comprende, responsabilità, rischi e da subito si mette in evidenza che si tratta di un programma di High Performance Safe Entertainment (divertimento e sicurezza sono valori chiave che permeano concretamente, in tutti i dettagli, il programma). Sono con un amico e arriviamo alla pista che dall’esterno sembra un vero e proprio megastadio; ha un che di maestoso che incute un senso di storia e di rispetto; si notano subito le colline artificiali create ad-hoc per le paraboliche.

Nell’ingresso centrale c’è una sezione dedicata al programma dove una signora dai candidi capelli bianchi e dal sorriso rassicurante di una nonna verifica la tua iscrizione e ti stampa il dorso di una mano, pronti a partire! procedere in auto verso la parte interna del circuito attraverso il sottopassaggio 4! arriviamo al  (il testo originale continua su Reportmotori.it ) …

Posted in: A tutto gas

Leave a Comment (0) →

‘Innovation full throttle!’ at Daytona ;)

Riccardo laps at Daytona pushing up to 164,31 mp/h (264,37 km/h) and evaluating an overall High Performance Motorsport Entertainment Program… These are some of the first impressions he shared about the experience, some inspiration for new sections of the upcoming international edition of the book is no doubt present here.

“I always wanted to try American style racing with pure American style cars. As it always happens, you create your own opportunities… This is what happened yesterday at Daytona… driving at around 265 km/h is incredible fun and even relaxing even if there were some quite different driving aspects that I was not used to (speed not a problem).

Weirdest thing: the incredible set-up to pull on the left that you feel mostly in the straight… the high banks (around 31 degrees) are very interesting: they push to go flat-out right away even if, when you realise the strength of that continuos pull in the straight, you become thereafter more cautious to make sure you don’t mess up in the straight ending up too close to the wall for the next entrance and exit.

The instructor Robert Portano was great and as we can see at some times I got him a little scared because of my hi banks exits… ;) I am sure he played a little bit with the power tool to cool me down (and it could be rightly so even if during the last two laps – basically we got six overall excluding the warm up and cool down ones – I felt more and more comfortable also with the seating position not easy to adjust to (many people and of all different sizes jump in) I felt either crammed or too much laying back… much better to be crammed with this kind of cars and tracks ;) and that is what I picked.

Overall just need to learn to: foot down all over (done that) work well the wheel in the very unnatural way to many (got better and better) and keep the right lines (got better and better). If I had listened to Rusty (crew chief) and added right away some more laps (why not a credit card swipe right in the car ;) ) I would have reached the very top of the car given car potential (set to no go over 170 mph for insurance purposes).

Overall a great experience. The Richard Petty Driving Experience is no doubt a unique program driven by focusing on Pure Speed matched by Entertainment and Safety for all! Only in America! ;) (at least for now…).”

 

Posted in: A tutto gas

Leave a Comment (0) →

Innovation Full Throttle! About the visionary Motorsport University Project…

From ReportMotori.it

The avant-garde project of the Motorsport University is coming to life.

As future director of the  Giovanni Alberto Agnelli racetrackWalter Sciacca‘s statements on a racetrack which will open in September 2015 are recent. It is a structure which will bring with it not only passion but a concrete breath of fresh air and innovation in a world – the world of motorsport – which has always been a passion for thousands of people.

Walter Sciacca

Walter Sciacca

It is a question of innovation but also of development and investment: the Pontedera Racetrack will bea at the heart of an important partnership between the Pont-Tech industrial Estate and MOVET, the Sant’Anna Technological Estate in Pontedera and the Navacchio Technological Estate, all of which are avant-garde technological centres, and Pisa University which has always been involved in the motorsport world thanks to ongoing research which has brought important initiatives to fruition.
At a historic juncture like this one, investing in avant-garde projects means gambling on the future with proposals which are destined to change past business models and overturn them.

Projects and theories but also forward thinking, the future Pontedera Racetrack is also featuring in a book which will generate featuring many stimuli on the future of innovation in our business and organizations.
The author of the book Innovazione A tutto gas. Da Cento Anni di Motorsport il Carburante all’Innovazione in Azienda Innovation full throttle. From One Hundred Years of Motorsport Fuel for Company Innovation) Riccardo Paterni (innovazionetuttogas.it, Edizioni Lifeplan 2013, international edition in early 2015) is an expert in innovation and internationalisation. His vision aims to help companies breathe life into and bring to fruition processes of added value generation in social and economic contexts in constant evolution.

Riccardo, in your book you articulate that innovation consists in creativity that generates added value in the perceptions of the market of reference. How will the future Pontedera racetrack promote innovation in this sense?

From this point of view the project encompasses key factors which  (continues at this link)

Posted in: A tutto gas

Leave a Comment (0) →

Il mix vincente innovazione e internazionalizzazione per valorizzare know-how. Un esempio concreto…

Ieri (31 luglio) la testata giornalistica Reportmotori.it  ha intervistato Riccardo in merito ad progetto che sta emergendo nel segno della valorizzazione del know-how innovando e con una proiezione internazionale: l’Autodromo di Pontedera.

Alfredo Medici (Presidente Pluris Servizi Immobiliari) e Walter Sciacca (CEO MPA)

Alfredo Medici (Presidente Pluris Servizi Immobiliari) e Walter Sciacca (CEO MPA)

Il progetto è destinato a svilupparsi molto oltre le tradizionali caratteristiche e dinamiche di un progetto di questo tipo. L’innovazione consiste nel fare della struttura un catalizzatore di ricerca, sviluppo e formazione da più fonti d’eccellenza e tutte legate ad una visione di crescita a tutto tondo del Motorsport. In tutto questo l’autodromo ha il concreto potenziale per divenire un riferimento globale nel settore (e non solo). L’edizione internazionale del libro (in uscita ad inizio 2015) conterrà una sezione di approfondimento sul progetto. A questo link l’intervista che introduce questi temi.

Posted in: A tutto gas

Leave a Comment (0) →

Autodromo di Pontedera come fulcro di innovazione. La visione sta prendendo forma…

Il progetto dell’Autodromo di Pontedera sta prendendo forma come fulcro di innovazione sotto molti punti di vista. Sta convogliando varie idee, persone, progetti e attività in questa visione e anche innovazioneatuttogas.it ne fa parte. La versione internazionale del libro avrà una sezione dedicata a questo innovativo progetto.

Nell'autunno 2015 l'inaugurazione della struttura

Nell’autunno 2015 l’inaugurazione della struttura

Questo un articolo che mette introduce alcuni aspetti chiave della visione innovativa del progetto.
http://www.lanazione.it/pontedera/autodromo-all-università-dei-motori-un-centro-di-ricerca-e-laboratori-per-le-aziende-1.67713

Posted in: A tutto gas

Leave a Comment (0) →

‘Innovazione a tavolino’: Jim Hall, la Chaparall e la nascita dei moderni concetti di dinamica

Jim Hall (fondatore della Chaparall) ha sempre evidenziato come tutto il processo per lo sviluppo dell’innovazione del leggendario marchio fosse frutto di un metodico lavoro ‘a tavolino’ che poi veniva testato in pista. Nel periodo in cui la Chaparall sviluppo’ novità radicali nel contesto della dinamica del veicolo da competizione (anni sessanta) fu questo il metodo che fece la differenza rispetto a case costruttrici concorrenti che avevano un’impostazione ingegneristica ancora troppo artigianale. Grazie a questo metodo la Chaparall tracciò i fondamentali di molti sviluppi aerodinamici tutt’ora utilizzati.

Il tema e’ approfondito nell’edizione internazionale del libro di prossima pubblicazione.

Chaparall. Dagli anni sessanta esplorazione e fondamento delle moderne auto da corsa...

Chaparall. Dagli anni sessanta esplorazione e fondamento aerodinamico e strutturale delle moderne auto da corsa…

Jim Hall:

It’s Chaparral and my own career. It’s a little more scientific. I was a mechanical engineer, a graduate engineer. And I started racing after well, actually during college.

But that’s when my career was, after I had the degree. And so I applied what I’d learned to what I was doing.

And as I said, I made a point of trying to understand the control and stability of cars. And so it was some trial and error for sure. But usually it was a plan.

We had a plan and a theory, and I went after it to see if I could prove it. And did a lot of measurement actually.

Had a test track right there where I could run. And it was very useful. That’s probably an advantage that we had during those days.

I could just go out and run during the mornings, say, and then come back in and make some changes, go back out in the evening and check it.

Where I think a lot of teams we were racing against in the ’60s didn’t have that capability.

 

Posted in: A tutto gas

Leave a Comment (0) →

INNOVARE in tempi di risorse scarse… molto da imparare da Colin Chapman (fondatore della Lotus)

LOTUS (quella vera), dalla sua storia sinonimo di velocità e innovazione vissuta in modo estremo, COLIN CHAPMAN ne è stato fondatore e un motore PROPULSORE ALL’INNOVARE CON UNO STILE OPERATIVO TUTTO SUO dal quale si può apprendere molto soprattuto con i tempi che corrono… 

Ronnie Peterson durante uno dei suoi leggendari 'controsterzi a tavoletta' con la Lotus 72

Ronnie Peterson durante uno dei suoi leggendari ‘controsterzi a tavoletta’ con la Lotus 72


Tratto da una sezione del libro intitolata “Colin Chapman: non poter fare a meno di osare nell’innovare; pensare per concetti”: “Molte delle idee che Chapman sviluppò nacquero direttamente da osservazioni fatte sui campi di gara. Scrive Peter Ross, uno storico della Lotus: “Quello che distinse Colin da tutti gli altri designer di macchine da competizione del suo tempo, fu il suo approccio molto pratico. Questo in parte era dettato dalla quasi totale mancanza di capitali da investire. Nel mentre che gli altri potevano iniziare a progettare da una pagina bianca, il primo pensiero di Colin era: ‘Quale componente già esistente possiamo usare o quale componente già esistente possiamo adattare alle necessità che abbiamo?’ (…) Colin riusciva, con il suo stile ricco di entusiasmo, a persuadere aziende importanti come Hardy-Spicer a inviargli i disegni dimensionali di praticamente tutti i componenti che stavano producendo per l’industria automobilistica inglese. Nella maggior parte dei casi i componenti derivati potevano essere usati senza nessun cambiamento e magari con cambiamenti molto superficiali. (…) Invece di utilizzare spazio, che non aveva, e utilizzare personale, lui decise di trovare modo di fare tutto da solo sviluppando rapporti di collaborazione con piccole aziende di ingegneria che riuscivano a generare dai disegni praticamente tutto.” (…)

Posted in: A tutto gas

Leave a Comment (0) →

Innovare per dare il meglio di se …

Nel libro si mette in evidenza anche il concetto di ‘innovazione nell’essere, nell’esprimere il meglio di se’ :

La Ferrari 126C domata da Gilles Villeneuve nel suo classico stile...

La Ferrari 126C domata da Gilles Villeneuve nel suo classico stile…

“‘L’innovazione nell’essere pilota’. Non dura a lungo ma lascia il segno. Lo stile Gilles Villeneuve.
Una cosa è innovare, l’altra è essere innovativi. Si innova con un’idea, con un concetto che determina una soluzione utile e apprezzata. Si è innovativi quando il nostro modo di pensare, che si riflette nel comportamento, crea un mix così insolito e unico da colpire l’attenzione di molti e diventare un modello di riferimento unico e indiscusso. Questo tipo di innovazione, che possiamo definire ‘innovazione dell’essere’ è spesso destinata a avere un forte impatto di ispirazione per molti. È il caso di ‘un’innovazione dell’essere pilota’ che ha saputo travolgere il mondo del Motorsport e, che ancora oggi è rimpianta. Stiamo parlando dell’ ‘innovare nell’essere pilota’ che portò una folgorante meteora nel mondo delle corse: il leggendario Gilles Villeneuve. (…) “

Posted in: A tutto gas

Leave a Comment (0) →

Le Mans. 1966, l’innovazione gestionale alla base del trionfo storico della Ford GT40 Mk II…

Siamo prossimi al weekend della 24 ore di Le Mans. A proposito di questa leggendaria competizione…

Le Mans 1966, la vittoria storica della Ford GT40 Mk II

Le Mans 1966, la vittoria storica della Ford GT40 Mk II

Dal libro “Lo stimolo ad innovare a volte può nascere come sfida competitiva che va oltre le dinamiche di mercato: si innova e si rivoluziona per mostrare, per affermare la propria valenza tecnologica nei confronti di un concorrente, anche al di là delle logiche commerciali. La sfida può essere rischiosa, si possono disperdere molte risorse, ma la vittoria può essere vissuta come un grande trionfo aldilà delle avversità che si sono dovute superare per ottenerla. Abbiamo osato in terreni in cui i nostri concorrenti non si sono mai addentrati (proprio perché ritenevano che la sfida fosse prematura rispetto alle dinamiche di mercato), al tempo stesso vincere può andare molto oltre la sfida a due con ripercussioni per un marchio negli anni a venire. La sfida tra Henry Ford II e Enzo Ferrari, culminata con il trionfo della Ford GT 40 MK II a Le Mans nel 1966, rende bene l’idea”. Nella pratica fu una vera e propria INNOVAZIONE GESTIONALE da parte del team Shelby a permettere alla Ford di trarre veramente il meglio dal potenziale di ricerca tecnologica… (il libro approfondisce)

Posted in: A tutto gas

Leave a Comment (1) →
Page 3 of 9 12345...»